Deep State, lo Stato profondo (esempio di Salvini e Russiagate)

Possibile mai che i media si chiedano sempre se Salvini ha preso i soldi dai russi; se Trump è stato o no aiutato da Putin a essere eletto Presidente; se la Procura di Palermo riesce o meno a trovare prove sulle stragi di Falcone e Borsellino e sulla Trattativa Stato-mafia?

E che non si chiedano mai chi ha fatto esplodere e ha alimentato lo scandalo legato alla Lega; come mai questo accanimento senza precedenti verso un Presidente Usa che probabilmente ha giocato sporco e mai verso precedenti presidenti che di zozzerie ne hanno fatte altrettante se non di più; oppure come mai molte prove che dovrebbero trovarsi in mano a uomini di Stato non escono mai e perché dopo diciassette anni non si conosce la verità sulle stragi di mafia?

Si chiama Deep State, Stato Profondo. È una sorta di concentrato ancestrale del potere. Si trova lì da prima che questi fatti accadessero e si troverà dopo che di questi eventi non si parlerà più.

Un organismo vivente e mutante, seppur sempre uguale a se stesso, fatto di burocrati, di uomini dei servizi segreti, di uomini d’affari potenti e ricchi da far schifo, di faccendieri (una parola apparentemente innocua che nasconde mediatori che per metà del tempo fanno i ricattatori e per l’altra metà i lacchè occulti di politici e di criminali.

Basta cercare un po’ per scoprire che la documentazione del Russiagate italiano transita attraverso il blog che ha aiutato Trump a essere eletto, legato anche ad ambienti vicini a quella Cia che flirta con il gotha di Wall Street.

Un po’ di più per rendersi conto che il Russiagate che ha colpito la Casa Bianca è alimentato da altri settori della Cia, del Pentagono e dell’Fbi, collegati anch’essi al gotha di Wall Street.

E ancora un po’ di più per rendersi conto che se emergessero le verità sulle stragi di mafia e sulla Trattativa Stato-mafia la nostra Repubblica subirebbe uno sconquasso da cui sarà lungo e doloroso riprendersi.

Ciò non toglie che la Lega è in odore di corruzione, che Trump è diventato Presidente in maniera opaca, che il lavoro dei pubblici ministeri antimafia sia difficile e non sempre porta a risultati.

Se i giornalisti continueranno a porsi le domande sbagliate, però, noi continueremo a darci le risposte sbagliate. Risposte che avranno un solo effetto certo: il perdurare e il rigenerarsi perpetuo dello stesso potere, generazione dopo generazione, capo di governo dopo capo di governo, stagione politica dopo stagione politica.

L’ANNO DEL JOKER
Nuova Stagione
Sarò Franco


The Indygraf

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Privacy Preference Center

Necessary

Advertising

Analytics

Other

Wordpress

usati dalla piattaforma senza raccolta di dati

Cookies tecnic utili per la navigazione