Esclusivo/C’era una volta Bam, la città di sabbia che un terremoto ingoiò

 

Il 26 dicembre 2003 un terremoto magnitudo 6.6 colpì la città di Bam, nell’Iran orientale. Il centro abitato moderno venne raso al suolo, i resti dell’antica città costruita di sabbia e terra si sbriciolarono come un castello sulla riva del mare. In una notte morirono 56.230 persone e la Pompei di Persia, citata anche da Marco Polo cessò di esistere. Ecco le ultime foto di Bam prima dell’apocalisse.

 

di Franco Fracassi

 

The IndyGraf ha avviato una campagna di raccolta fondi per far nascere il vero giornale.

Aiutaci anche tu!  

The Indygraf Progetto


Franco Fracassi

Franco Fracassi è giornalista, scrittore e documentarista. Si è occupato di inchieste ed è stato inviato in tutto il mondo per raccontare alcuni dei principali eventi che hanno segnato la storia degli ultimi anni, ha seguito come inviato di guerra i principali conflitti: Croazia, Bosnia, Kosovo, Albania, Sri Lanka, Israele-Palestina, Angola, Iraq e Afghanistan. Fracassi ha anche partecipato a concorsi fotografici internazionali, quali il World Press Photo.

Franco Fracassi

Franco Fracassi è giornalista, scrittore e documentarista. Si è occupato di inchieste ed è stato inviato in tutto il mondo per raccontare alcuni dei principali eventi che hanno segnato la storia degli ultimi anni, ha seguito come inviato di guerra i principali conflitti: Croazia, Bosnia, Kosovo, Albania, Sri Lanka, Israele-Palestina, Angola, Iraq e Afghanistan. Fracassi ha anche partecipato a concorsi fotografici internazionali, quali il World Press Photo.

Sostieni Indygraf, quello che gli altri non raccontano!

Indygraf propone informazione indipendente libera da condizionamenti e gruppi di potere.
Raccontiamo quello che gli altri non raccontano.
Il nostro lavoro è del tutto volontario e associativo.
Ci siamo uniti al Registro Europeo dei Web Reporter WERP.EU, anch’esso senza scopo di lucro, e siamo in collegamento con altri comunicatori e reporter indipendenti.

DONA ORA
CON IBAN BONIFICO BANCARIO
oppure
PAYPAL

 




Dona adesso, dona spesso, non rimarrai “al buio” e te ne saremo grati.