Il Venezuela come la Libia, la verità su Guaidò

Trentacinque anni fa gli Stati Uniti hanno messo su una gigantesca rete internazionale (collegata alla Cia e al Dipartimento di Stato) per riuscire a influenzare e a abbattere se necessario i governi del mondo. Una gigantesca macchina organizzativa per promuovere (senza mai apparire) la «democrazia».
Lo snodo decisivo di questa rete si trova a Belgrado. È un’organizzazione non governativa chiamata Canvas (Centro per l’applicazione e le strategie non violente). È da Canvas che sono stati organizzati, addestrati e istruiti tutti i rivoluzionari che hanno infiammato il mondo negli ultimi vent’anni.
Uno dei figli di Canvas è Juan Guaidò, attuale autoproclamatosi presidente ad interim del Venezuela. Guaidò è l’uomo della Cia, è l’uomo della macchina di Washington esperta democrazia, è l’uomo politico creato artificialmente a Belgrado e allevato a pane e neoliberismo, come alcuni signori della guerra libici.
E per affiancare Guaidò Trump ha scelto un certo Elliot Abrams, molti anni fa organizzatore degli squadroni della morte in America Centrale.
Questa è la coppia che la parte di comunità internazionale subalterna agli Stati Uniti vorrebbe governasse il nuovo e democratico Venezuela.


Franco Fracassi

Franco Fracassi è giornalista, scrittore e documentarista. Si è occupato di inchieste ed è stato inviato in tutto il mondo per raccontare alcuni dei principali eventi che hanno segnato la storia degli ultimi anni, ha seguito come inviato di guerra i principali conflitti: Croazia, Bosnia, Kosovo, Albania, Sri Lanka, Israele-Palestina, Angola, Iraq e Afghanistan. Fracassi ha anche partecipato a concorsi fotografici internazionali, quali il World Press Photo.

Franco Fracassi

Franco Fracassi è giornalista, scrittore e documentarista. Si è occupato di inchieste ed è stato inviato in tutto il mondo per raccontare alcuni dei principali eventi che hanno segnato la storia degli ultimi anni, ha seguito come inviato di guerra i principali conflitti: Croazia, Bosnia, Kosovo, Albania, Sri Lanka, Israele-Palestina, Angola, Iraq e Afghanistan. Fracassi ha anche partecipato a concorsi fotografici internazionali, quali il World Press Photo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Sostieni Indygraf, quello che gli altri non raccontano!

Indygraf propone informazione indipendente libera da condizionamenti e gruppi di potere.
Raccontiamo quello che gli altri non raccontano.
Il nostro lavoro è del tutto volontario e associativo.
Ci siamo uniti al Registro Europeo dei Web Reporter WERP.EU, anch’esso senza scopo di lucro, e siamo in collegamento con altri comunicatori e reporter indipendenti.

DONA ORA
CON IBAN BONIFICO BANCARIO
oppure
PAYPAL





Dona adesso, dona spesso, non rimarrai “al buio” e te ne saremo grati.