La solitudine dei numeri primi

Intervista al testimone di giustizia Gennaro Ciliberto che ha denunciato infiltrazioni camorristiche nel tessuto imprenditoriale in cui lavorava.

Di Lidia Mancini

“Ho denunciato la camorra e sono stato lasciato solo”. Così il testimone di giustizia Gennaro Ciliberto racconta la sua storia e il percorso che lo ha portato dalla denuncia agli inquirenti di infiltrazioni camorristiche nell’impresa in cui lavorava alla solitudine di una vita in bilico senza protezione. “Non ho più paura della morte e questo è il mio vero incubo”, dice con rassegnata fermezza mentre denuncia la distrazione di quello stesso Stato che gli aveva promesso protezione.

Di Lidia Mancini


Redazione Indygraf

Privacy Preference Center

Necessary

Advertising

Analytics

Other

Wordpress

usati dalla piattaforma senza raccolta di dati

Cookies tecnic utili per la navigazione